Psy: il fenomeno sudcoreano

Ebbene sì,lo ammetto:sono una sua fan. Sto scrivendo questo articolo mentre ascolto la sua discografia.

NO,ASPETTA! Non chiudere!

Don't close,please

All’anagrafe Park Jae sung, Psy ha cambiato il mondo dei tormentoni musicali. Pur essendo in attività dalla fine degli anni Novanta, il cantante sudcoreano ha raggiunto il successo mondiale con Gangnam Style nel 2012, arrivando a 2 miliardi di likes e altrettante visualizzazioni (20 se non più sono mie). Sin dal suo debutto è stato spesso accusato di contenuti inappropriati delle sue canzoni tanto che il suo terzo album è stato vietato ai minori di 19 anni ma ciò non l’ha di certo fermato. Anzi!

Gangnam style,canzone orecchiabile e dalla coreografia assurdamente complicata,parla di uno dei quartieri più ricchi e chic di Seoul e di com’è viverlo.

La satira di Psy è ancora più evidente nel singolo successivo Gentleman (che personalmente adoro e a cui ho regalato taaante visualizzazioni). In Corea del Sud,così come in molti paesi asiatici, il rispetto,le formalità e la compostezza sono alla base della cultura: si parte dalla famiglia,passando per le relazioni fino all’ambiente lavorativo. Questo tipo di cultura,fondata sul rispetto assoluto,potrebbe sembrare quasi soffocante agli occhi di noi occidentali. Nel video,infatti,Psy esce fuori dagli schemi,comportandosi in modi indecorosi nei vari contesti della vita quotidiana.

Psy in Gentleman

​​Con il successo, sono iniziate anche le collaborazioni internazionali come quella con Snoop Dog in Hangover. Anche questa canzone custodisce piccoli riferimenti alla cultura coreana. Bere (tanti) alcolici (lo soju in particolare), andare al karaoke e alle terme sono tutte attività volte a rilassarsi e a fare nuove amicizie. Psy stesso, da buon sudcoreano, si definisce un heavy drinker.

snoop-dogg-psy-hangover

Altro singolo da conoscere è Korea, una sorta di inno nazionale in cui emerge la profonda frattura che ancora avvolge la Corea e una rivendicazione culturale.

Una menzione d’onore và alle coreografie che, pur essendo una tradizione nel kpop, in questo caso sono uno dei motivi del successo di questo cantante.

Essere “ribelli”  in questi paesi non è semplice ma,in questo caso,Psy ci sta riuscendo benissimo tanto da guadagnarsi una fama mondiale e portando,finalmente, la Corea del sud sotto i riflettori internazionali.

​​Tra gli ultimi singoli, vi consiglio I luv it e New face che inizierete subito a canticchiare e qui sotto vi lascio alcuni video di concerti in Corea,Francia e America per farvi capire che livelli di popolarità è riuscito a raggiungere con una sola canzone.

Corea del sud: Seoul               Francia: Parigi                America: Ohio

Buona visione e ricordate:

Psy quotes

Ps: secondo voi, tra tutti i Paesi esistenti,dove ha ricevuto una brutta accoglienza? In Italia.

Segui il sacro random su:

Ricevi gli articoli in anteprima!

Rispondi